Duc e Chezal, Dûc e Tsezôl

La borgata di Duc è divisa in due parti: Duc D'Avól e Duc D'Amont, ognuna col suo forno. Duc fu legata a Chezal dalla presenza di un'unica cappella che univa gli abitanti di entrambe le borgate, nonostante i 100 metri di dislivello tra le due. La vita di une viedzë è ancora ben viva nel ricordo di Alma Lantelme, nata a Chezal, sposata a Granges e residente ora a Traverses per un periodo dell'anno: d'inverno infatti, vive con il nipote a Torino che frequenta l'università. Insomma, una donna con un grande spirito di adattamento, profondamente ancorata ai luoghi in cui ha trascorso la sua vita, ma sempre pronta a cambiare, ad evolversi per rimanere al passo con i tempi, nonostante i suoi 85 anni.
L'intervista di Alma è una testimonianza importantissima, che ci proietta in un tempo che sembra ormai lontanissimo, anche se in realtà ci racconta del secolo scorso, insomma, non sono passati neanche 100 anni.

Name Play Size Duration
Duc-Chezal1
Elisa Torazza

0.5 MB 0:30 min

ALMA: "Ma mama venìa da lavè, alour cant avìa da felho da Tsezol ou fa 'd travaou il butavan un chit dareir dint 'l prà, un linsol blanc manà il anau vìa ou a countr 'l cant"
RENZO: "E i partìo da Tsezol ou da Dzussaut, i venìo avol e tournavan amónt e l'anavan su e dzou. I l'avian po 'd viol s'la Traversa da pasò. Non, 'ntava qu'desendeiso"
ALMA: "No, itsi lh'a pa 'd via, perquè 'nta que pasa pa d'amount për anà".

Continuando l'intervista, ci racconta di un altro fatto che lascia quasi interdetti: una mamma che, non avendo il latte da dare ai propri bimbi neonati, copriva loro gli occhi con una benda e li attaccava agli animali, vacca, pecora o capra.

Name Play Size Duration
Duc-Chezal2
Elisa Torazza

1 MB 0:51 min

Dan mazarden, nh'à nourì ounz, di vintedoui an et il n'avìa pa ren lait. Ilsa tout nourì abou un fei, un tsabr, un vats, i a mourova a la bestia per ploufatetoda nourì. Betavo 'n ganash su l'uzel, pa qu' neis ma nit, peuj lous nourovon a la vach ou a la fei ou a la chabr, quelqu'l'avìa et ils ont tout nourìa parìa abou sa bestia. Barbou Fransuà a l'ità nourì abou un vats e el ouchab moun veil souven 'nca mì qui lavourovon abou la vatsa, cant' l'avìa sei e fazìa tsaud d'ità s'abourrava tatô sa vatsa, perquè el a età nourrì abou una vach.

Name Play Size Duration
Duc-Chezal3
Elisa Torazza

0.7 MB 0:36 min

E ancora, ci racconta del giro a piedi che doveva fare tutti i giorni, con la sua vacca:
"(Da Grondza) Partìo 'd matin, munzìo, fazìo soc qu'avìo da fa, pei anavou amónt a Tsezol a pè. Peui da Tsezol prenìo la merende e anavou casi sû a Bantsette ichaout, abou la vatsa. Batsìa 'l dzour qu'i avìan la vaccha e pei cant aribov a Tsesol, 'd neout prenìo cacaren et pei tournavo parti, venìo avol a la Grondza, soulet parsimon. Dint un dzour fazìo tout qui travalh-itsi. Partìo da Grondza, 'navo a Tsezol, 'navo a Gran Cost, tournavo avol a Tsezol e tournavo a Grondza".

E nonostante le borgate siano state ristrutturare e siano in uno stato di conservazione molto migliore rispetto a com'era in passato, recandosi in questo piccolo insieme di case arroccate l'una sull'altra, si ha l'impressione che il tempo qui non sia mai passato, ma che anzi si sia fermato al tempo dei racconti di Alma. E forse, è proprio questa la vera autenticità di questi piccoli borghi.

Elisa Torazza

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
420
Articoli
423
Web Links
18
Visite agli articoli
1148701
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010