Villardamont, ‘L Viardamònt

La borgata di Villardamont è collegata alla strada nazionale di Pragelato attraverso una strada carrozzabile aperta tutto l'anno. Salendo verso Sestriere, si trova sul versante destro e gode quindi di una splendida vista sulla Val Troncea.

Come tutte le borgate di Pragelato, si ritrova la presenza di fontane, chiamate comunemente batsô, che rimangono testimoni della vita di un tempo, pur avendo perso la loro funzione originale di "lavanderie" per le donne della borgata, e di punto di incontro per chi la abitava, quando l'acqua corrente non era presente nelle case.

Insieme ai batsô, il forno è una presenza costante. Se, nel caso delle altre borgate di Pragelato, il forno rimane un simbolo che ha perso quasi dei tutto la sua funzione, questo non vale per il caso di Villardamont, dove rimane operativo, come testimoniato da Bruno Chiquet, originario e tuttora residente in questa borgata, che spiega le usanze (di un tempo e di adesso) ed il recupero dello stesso, possibile grazie alle ristrutturazioni delle Olimpiadi)

Name Play Size Duration
Villardamont1
Elisa Torazza

2 MB 1:58 min

'L fórn venia alumà eun vieddz per eun, poi a tórn. 'L prumìa a l'era 'l plus difisil a ichoudò e poi 'l segónt a l'era plus fasìl. Fasìa 'l vir d'la bourdzò en sens ourair. Un avia dou: lh'avia 'l pëchot fórn dont ou fasìa 'l pan tsac quinz dzórs e pei lh'avia 'l gros fórn ou fasìa 'l Tsalendol per Santa Cecilia e fasìa 'l pan dur ch'a servìa per tut l'ità. La portava 'l nom Tsalenda, ma 'l pan 's fasià per santa Cecil (22 nouvembr). Eour 'l fourn a l'i ità ben ritruturà da temps d'laz Olimpiadi e eour 'l fórn l'iz eun ritrovou per tut la poupoulashó, 'dcò d'lou viledzant vengù amónt e qui l'on atsatà laz nouvella apartaments.

D'ità un alum 'l poutadzìa, la fenna d'lou viledzant qu'i l'on la mizón i fon la pizza, la tórta, un fazè la glor ('n tsoz estremement 'd Pradzalà) 'd truffa gratuzò, opur la glor 'd truffa a talhon. 4-5 vieddz a l'o s'alum 'l fuëc. 'L fazìa un corvé un l'a fazìa 'n ton 'l 19 dzuliet alour la fenna n'aprofittou alumè 'l fórn qui en a volou fô la courvé travalhon a 9 our un l'alumè e tiron for la pizza da fórn e soc qu'i l'on fait e la glor. Ma fena i l'a moutrà a fa la glor e i son diversa da Pinarol e da Turì qu'i son aribà a fa la glor esactement c'ma fait ma fena a Pradzalà.

Villardamont è l'unica borgata in cui si testimonia una così importante attività del forno, sia d'estate, sia d'inverno. È inoltre fondamentale la presenza dei viledzant, grazie ai quali le tradizioni, anche culinarie come in questo caso, rimangono vive e non si perdono. Soprattutto la ricetta della glor, piatto tipicamente pragelatese a base di patate (truffa), grattuggiata o a fette (gratuzò opur a talhon), è stata tramandata dalla moglie di Bruno alle signore di Pinerolo e di Torino che si recano nella borgata solo durante il week end o nel periodo delle ferie, ma che comunque riescono benissimo in questo piatto.

È anche importante evidenziare il forte legame tra i viledzant e il nostro Bruno Chiquet, fatto che potrebbe destare qualche sospetto, visto il luogo comune per cui i forestieri non sono mai ben visti dai locali. In questo caso, invece, è lo stesso Bruno a sottolineare il legame che i villeggianti sentono verso la borgata, per cui decidono di riportare in auge i piatti della tradizione e lo stesso forno della borgata.

Name Play Size Duration
Villardamont2
Elisa Torazza

2.2 MB 2:01 min

Un l'avei sistemà perchè a l'avìa trant a fumov et l'an restruturà, an fait el fournel e nous s'aribò 'bou tuebi a fô un CAPPA un l'avia tirà via completement 'l fum, l'a fumma mai pa rè [...] Ouz avè fait eun bel travolh, grazie a la dzent fouritìa qu'a 'l tien embarò. I l'on de l'idée, il volon adiritura fô 'n palquet. A livel d'la CAPPA l'on buta 2 mere 'd lausa. Peui un l'avet la courent , i l'i pas d'la Cumun, ma i l'i notr perqué un atsatà un generatour qu'a l'è 1800 watt e eun attac tout soc qu'i voulé e fô la lumìër, mersì ai fouritìa qu'a tenno a la tsosa mai que mi!

St'uvern m'an fait une grosse surprise, cosi que m'an fasìo plurò. I sabio que l'era moun compleanno, al'i 'l 10 furìa, la diamendz d'après, i s'on ourganizò e m'on dit "Ou devi pei venì a fórn, ma pa d'mai 'd doua minutta, qu'ou devi esplicò a la dzent qu'a ven da for c'mà së fô alumô 'l fórn" "E vabbè, mi a venou" e peui son camì bailout, i l'ero a la fenetr, abou matsin fotografica, cinepresa e l'er sarà. A eic busà, s'un calà dint e a l'er tout cumplì plen abou une torte grossë e bou la tsandìa per 'l coumplean, cosi cosi quë plourovo.

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 30 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
445
Articoli
424
Web Links
18
Visite agli articoli
1190336
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010