Tsoza dapé 'l Clizó

Name Play Size Duration
cardenshe
La Valaddo

0.6 MB 0:44 min
couia
La Valaddo

0.3 MB 0:25 min
croo
La Valaddo

0.3 MB 0:25 min
lone
La Valaddo

1.1 MB 1:18 min
martleoure
La Valaddo

0.5 MB 0:37 min

'L couìa aboù sa moul. 'L couìa a servìa për butô la moul da së pourtô aprée cont anòvon shô lou pro ou 'l gròn. Dint 'l couìa la së butov d'aig aboù 'd vinaigr për mantenî la moul bagnô e për imoulô mélh 'l dòlh ou 'l voulòm.

Il couìa con la sua mola. Serviva per tenere la mola da portarsi dietro quando si andava a falciare i prati o il grano. Nel couìa si metteva d'acqua con aceto per mantenere la mola bagnata e molare meglio la falce e il falcetto.

couia

'L cróo dâ minô. La së vè un cróo 'd bóc 'd bletò e un barett pendùa quë servìa për abilhô la teta en costumm. Qui leitòt dapè 'l leit da peiroun a servìa për crusô lou minô, quë dzurminìo c'mà benirou.

La culla per neonati. Vedete una culla di legno di larice e un cappellino appeso che serviva per coprire la testa in costume tradizionale. Quel lettino vicino al letto dei genitori serviva per cullare i neonati, che dormivano “come dei pascià”.

croo

La cardensh aboù soun dreisaout. L'î dont ou pendìa lou culhìa, lou cutsarìn, laz ashetta platta e iquella fondzùa, lou goublot e toû lou veiri. La cardensh a l'avìa magor, in eun tiront, la papardella e eun aoutr p'le susisse, 'l lart e p'lou mousaout. Eun tirantot a pouìa gardô lou casù ou lou cuìa 'd bóc e eun aoutr lou sitoupoun e fisella o d'aoutr 'd pëchotta baranha quë servìa toû lou dzórs.

La credenza con il suo porta posate. È dove si appendono i cucchiai, i cucchiaini, i piatti piani e quelli fondi, i bicchierini e i bicchieri. La credenza aveva spesso, in un cassetto, la pasta e un altro per le salcicce, il lardo e altri salumi. Un cassettino poteva contenere il mestolo o i cucchiai di legno, un altro il tagliere e fisella o di altre piccole cose che servivano tutti i giorni.

cardensh

La lôn, 'l róit, la boubina, la sirventa e isì lh'à 'l vlaou ou 'l vindou. Isì ouz avè eun cavonh dónt lh'à lou feri për fô lâ causa, in caus duméi fait, un gramisel 'd fiël e la sirventa, faita 'd cattra boubina. Cónt î fialovon la lôn aboù 'l róit, 'l fìël s'inboubinov sû lâ boubina dâ róit. Cont î ërpilhô en plin tóp a nei fiel e î lazanzovo e nen pernìa eun aoutr a cattra boubina plìn e péi antourtilhiot fiëls magor për n'avèir eun plû gró e aprée î l'anovon sû. Sû 'l vindou, ën virent sa maneulh, a fasìou lâ marella 'd fiël la fè pouìa eun tricoutô fô caousa ou molha. La paroll sirventa la vò 'dcò dir un fenn qu'vai a servis d'un familh ou d'eun persoun për lhi ajouô ou tënìa pró sa misò.

La lana, il róit, le bobine, la serva e qui c'è il vlaou o vindou. Qui abbiamo un cestino dove ci sono i ferri per fare la calza, una calza mezza fatta, un gomitolo di filo e la serva, composta da quattro bobine. Quando filavano la lana con il róit, il filo si avvolgeva sulle sue bobine, quando prendevano un pezzo pieno di filo e ne prendevano un altro per mettere insieme più fili e averne uno più spesso. Sul vindou, girando la manovella, si facevano lâ marella di filo che uno poteva usare per fare una calza o a maglia. La parola sirventa vuole anche dire una donna che va a servizio di una famiglia o una persona che aiuta a tenere a posto la casa.

lon

La martleour î servìa për martlô, la vò dir picô la lam dâ dòlh ou dâ voulom cont i dòlhovon pamai ou qu'î l'avìa 'd berdza. La së avol doit de fuzia lasa pul vor la martleur in la ter e sû eun tóc 'd bóc e aboù sa martel dâ cair plu soli, en acoumensov a martlô da cair plu larc la lam, per aribô fin a la punts.

La martleour serviva per martlô, che vuol dire picchiare la lama della falce o del falcetto quando non tagliavano più o avevano dei difetti. Si puntava la martleour nella terra e, su un pezzo di legno, con il martello dal lato più liscio si incominciava a martlô dal lato più largo della lame per arrivare fino alla punta.

martleour

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 38 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
424
Articoli
424
Web Links
18
Visite agli articoli
1151338
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010