Isubliô 'l patouà

Name Play Size Duration
isoublio_patoua
La Valaddo

0.2 MB 1:23 min

Quando bisogna andarsene per lavorare, la lingua si dimentica?

L'è pa possible l'isubliò. Disen quë la nostra lenga qu'ouz aven aprei, c'mà s'ou la butè ën canteù dint a 'l queur, ën 'l sirvel il î registrô, l'î compiuterizô. Oû sen oublizô l’ubliô cont oû venìa contât aboù la società; 'bou la società a parl piemounté, italien, fransé, anglé e proshenmenta te interesa a comprei un cacaren de cinùa o d'arab, ma l’ublio eun poc a poc. Però la lh'à tsola (“la lh'à tsola” an co vuriu dir? quë curious) vien cont vou dì un poc arabià, la vien veullh dir lâ paroulosa in patouà, pei in italien. Ecco 'l patouà qu’a ven for!

Non è possibile dimentarla. Diciamo che la nostra lingua che abbiamo imparato e come se la mettessimo in un angolo nel cuore, registrata nel cervello, è computerizzata. Siamo obbligati a dimentcarla quando siamo in contatto con la società: con la società parliamo piemontese, italiano, francese, inglese e prossimamente interesa imparare qualcosa di cinese o arabo, ma la dimentichiamo un po' per volta. Però ci sono tsola (cosa vorra dire, curioso) che viene quando sei un po' arrabbiato, viene voglia di dire le parolacce in patouà e solo dopo in italiano. Ecco il patouà che viene fuori!

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
878
Articoli
450
Web Links
21
Visite agli articoli
2490348
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010