Voci dalla Valle

In questa sezione del sito sono raccolte una serie di interviste raccolte e trascritte in diverse località delle valli. Facendo questo lavoro cerchiamo di andare a raccogliere qualche frammento delle varianti che sono maggiormente "a rischio di estinzione" perché il numero di parlanti è sempre più ridotto. Allo stesso tempo andiamo a mettere in luce aspetti legati sia ai luoghi che al passato.

Un enorme ringraziamento sia a chi è stato disponibile a essere intervistato, sia a chi ha girato le valli per raccogliere le interviste e poi le ha pazientemente riascoltate per trascriverne le parti più interessanti in grafia concordata, sia ancora a chi ha fatto la revisione dei testi. Mersì eun barò a tuts!

Due racconti di Guido Ressent

Ecco un paio di simpatici racconti scritti da Guido Ressent, uno dei fondatori de La Valaddo.

Buon ascolto e buona lettura!

Aegla e bòbi

Link al sito dell'Eco Mese (contenuto non ancora disponibile).

La baracco dâ diaou

Name Play Size Duration
baracco_da_diaou
La Valaddo

7.1 MB 5:08 min

Isubliô 'l patouà

Name Play Size Duration
isoublio_patoua
La Valaddo

0.2 MB 1:23 min

Quando bisogna andarsene per lavorare, la lingua si dimentica?

L'è pa possible l'isubliò. Disen quë la nostra lenga qu'ouz aven aprei, c'mà s'ou la butè ën canteù dint a 'l queur, ën 'l sirvel il î registrô, l'î compiuterizô. Oû sen oublizô l’ubliô cont oû venìa contât aboù la società; 'bou la società a parl piemounté, italien, fransé, anglé e proshenmenta te interesa a comprei un cacaren de cinùa o d'arab, ma l’ublio eun poc a poc. Però la lh'à tsola (“la lh'à tsola” an co vuriu dir? quë curious) vien cont vou dì un poc arabià, la vien veullh dir lâ paroulosa in patouà, pei in italien. Ecco 'l patouà qu’a ven for!

Non è possibile dimentarla. Diciamo che la nostra lingua che abbiamo imparato e come se la mettessimo in un angolo nel cuore, registrata nel cervello, è computerizzata. Siamo obbligati a dimentcarla quando siamo in contatto con la società: con la società parliamo piemontese, italiano, francese, inglese e prossimamente interesa imparare qualcosa di cinese o arabo, ma la dimentichiamo un po' per volta. Però ci sono tsola (cosa vorra dire, curioso) che viene quando sei un po' arrabbiato, viene voglia di dire le parolacce in patouà e solo dopo in italiano. Ecco il patouà che viene fuori!

Lëngo dë la vitto

Name Play Size Duration
lengo_de_la_vitto
La Valaddo

0.4 MB 3:04 min

Che cosa è il patoua?

Alour, lou patouà l'è la lëng dë la vitto e lâ parolla quë mi pensou cant siou për moun contiou, quë pënsou soc ai fait ën lâ journâ, l'è cant contiou, l'è cant chantou, l'è cant vaou culhî lî boulé. Siou për miou count, pënsou ën patouà e parlou ën patouà.

Lou patouà l'è la primo lëngo qu'ai sentì cant ai d'artiglior e l'è lâ driera parolla qu'un dì a uno përsouno contulurseleglior. Alour lou patouà a l'è propri la lëng dë notro vitto.

Che cosa è il patoua oggi?

Lou patouà ënquei l'è un po' diferent, përqué queulli quë l'an couminsâ parlâ patouà ooub mi peirlato lëngo materna disouma dë la maire, la prima lëngo quë l’an sentì parlâ alouro l'è uno cosou.

Queulli invece in Peirou, lî jû n'a pochissimi, ne pa pi bien che parlën patoua, e alouro per lour l'è uno deicuberto, l'è deicubertî tuërnou calcosou. Miei cit li ai l'eicolo, su toutta la class quë ai agù, ne avrei forsu un su darset, su darjot che parlaou ën patoua, o qu'avin li don quë parlaou patoua. Però lour bisondei qu'a l'ero uno longo empourtant qui l'î ëncaminâ deiparei se ni sarens pa nhun quë lo parlou. E aloura teu tuorno parlâ patouà, fose parlaou entr li don, in maniero che la sia lour quë vëdian la cosa e mi vëdiu ler nantrasa surtut si sanchi uno lëngo che parlou ancor lour don e qu'î l’han impurtanzo. Î l’han agù groz impourtanzo për li don e quindi i n'a ëdcò par lour si volou parlâ patouà.

Però disuma quë la Val Germanasco n'è ëncaro bien che parlou ën patouà. N'è d'ëntiera famillha e surtut a Prâl, a Prìe. A Poumarèt i l'an tuërn tacâ parlâ patouà, invece mi età la së parlaou pa pi. Parlaou italian e peui î imparaou lou patouà pì tard. Ënvece nela Val Quisoun n'è pa pi bien, î l'è bien de vari sû, perqué plu Fort per lou discurdia da Fort che vennuliur sor da fort e alcuno i lan lascia perde patouà e poi forsi î l'an tacâ (travalhâ) ën fabrico pi vitte rispetto a Val Germanasco, î l'an pì tost parlà lou piemounté pi tantou patouà.

Eicolo senso lou patouà

Name Play Size Duration
eicolo_senso_patoua
La Valaddo

0.1 MB 0:37 min

A Peiroû nou fan l'eicolou dë patouà. Mi cant anavou a l'eicolo, se la magistra mi sentìa parlâ ën patouà a mi runjava e am butava un brut voto: assolutament a voulin pa che së parleise patouà nunc tra noûzaoutri. E nuc cant s'anâ l'eicolou noû savin nen d’aoutre! Noû savin moc lou patouà, aloura l'italian ou lou capis pa granquè e se noû pouin nhanc parlâ patouà tra noûzautri l’ero pa tan boun fait...

A Perosa facciamo la scuola di patouà. Ma io, quando andavo a scuola, se la maestra mi sentiva parlare in patouà, mi sgridava e mi metteva un brutto voto: non volevano assolutamente che si parlasse patouà neanche tra di noi. E solo che quando siamo andati a scuola noi non sapevamo parlare altro! Sapevamo solo il patouà, allora l'italiano non lo capivamo granché e se non potevamo parlare tra di noi patouà, non era mica tanto facile...

Tsoza dapé 'l Clizó

Name Play Size Duration
cardenshe
La Valaddo

0.6 MB 0:44 min
couia
La Valaddo

0.3 MB 0:25 min
croo
La Valaddo

0.3 MB 0:25 min
lone
La Valaddo

1.1 MB 1:18 min
martleoure
La Valaddo

0.5 MB 0:37 min

'L couìa aboù sa moul. 'L couìa a servìa për butô la moul da së pourtô aprée cont anòvon shô lou pro ou 'l gròn. Dint 'l couìa la së butov d'aig aboù 'd vinaigr për mantenî la moul bagnô e për imoulô mélh 'l dòlh ou 'l voulòm.

Il couìa con la sua mola. Serviva per tenere la mola da portarsi dietro quando si andava a falciare i prati o il grano. Nel couìa si metteva d'acqua con aceto per mantenere la mola bagnata e molare meglio la falce e il falcetto.

couia

'L cróo dâ minô. La së vè un cróo 'd bóc 'd bletò e un barett pendùa quë servìa për abilhô la teta en costumm. Qui leitòt dapè 'l leit da peiroun a servìa për crusô lou minô, quë dzurminìo c'mà benirou.

La culla per neonati. Vedete una culla di legno di larice e un cappellino appeso che serviva per coprire la testa in costume tradizionale. Quel lettino vicino al letto dei genitori serviva per cullare i neonati, che dormivano “come dei pascià”.

croo

La cardensh aboù soun dreisaout. L'î dont ou pendìa lou culhìa, lou cutsarìn, laz ashetta platta e iquella fondzùa, lou goublot e toû lou veiri. La cardensh a l'avìa magor, in eun tiront, la papardella e eun aoutr p'le susisse, 'l lart e p'lou mousaout. Eun tirantot a pouìa gardô lou casù ou lou cuìa 'd bóc e eun aoutr lou sitoupoun e fisella o d'aoutr 'd pëchotta baranha quë servìa toû lou dzórs.

La credenza con il suo porta posate. È dove si appendono i cucchiai, i cucchiaini, i piatti piani e quelli fondi, i bicchierini e i bicchieri. La credenza aveva spesso, in un cassetto, la pasta e un altro per le salcicce, il lardo e altri salumi. Un cassettino poteva contenere il mestolo o i cucchiai di legno, un altro il tagliere e fisella o di altre piccole cose che servivano tutti i giorni.

cardensh

La lôn, 'l róit, la boubina, la sirventa e isì lh'à 'l vlaou ou 'l vindou. Isì ouz avè eun cavonh dónt lh'à lou feri për fô lâ causa, in caus duméi fait, un gramisel 'd fiël e la sirventa, faita 'd cattra boubina. Cónt î fialovon la lôn aboù 'l róit, 'l fìël s'inboubinov sû lâ boubina dâ róit. Cont î ërpilhô en plin tóp a nei fiel e î lazanzovo e nen pernìa eun aoutr a cattra boubina plìn e péi antourtilhiot fiëls magor për n'avèir eun plû gró e aprée î l'anovon sû. Sû 'l vindou, ën virent sa maneulh, a fasìou lâ marella 'd fiël la fè pouìa eun tricoutô fô caousa ou molha. La paroll sirventa la vò 'dcò dir un fenn qu'vai a servis d'un familh ou d'eun persoun për lhi ajouô ou tënìa pró sa misò.

La lana, il róit, le bobine, la serva e qui c'è il vlaou o vindou. Qui abbiamo un cestino dove ci sono i ferri per fare la calza, una calza mezza fatta, un gomitolo di filo e la serva, composta da quattro bobine. Quando filavano la lana con il róit, il filo si avvolgeva sulle sue bobine, quando prendevano un pezzo pieno di filo e ne prendevano un altro per mettere insieme più fili e averne uno più spesso. Sul vindou, girando la manovella, si facevano lâ marella di filo che uno poteva usare per fare una calza o a maglia. La parola sirventa vuole anche dire una donna che va a servizio di una famiglia o una persona che aiuta a tenere a posto la casa.

lon

La martleour î servìa për martlô, la vò dir picô la lam dâ dòlh ou dâ voulom cont i dòlhovon pamai ou qu'î l'avìa 'd berdza. La së avol doit de fuzia lasa pul vor la martleur in la ter e sû eun tóc 'd bóc e aboù sa martel dâ cair plu soli, en acoumensov a martlô da cair plu larc la lam, per aribô fin a la punts.

La martleour serviva per martlô, che vuol dire picchiare la lama della falce o del falcetto quando non tagliavano più o avevano dei difetti. Si puntava la martleour nella terra e, su un pezzo di legno, con il martello dal lato più liscio si incominciava a martlô dal lato più largo della lame per arrivare fino alla punta.

martleour

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
194
Articoli
419
Web Links
18
Visite agli articoli
974087
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010