Voci dalla Valle

In questa sezione del sito sono raccolte una serie di interviste raccolte e trascritte in diverse località delle valli. Facendo questo lavoro cerchiamo di andare a raccogliere qualche frammento delle varianti che sono maggiormente "a rischio di estinzione" perché il numero di parlanti è sempre più ridotto. Allo stesso tempo andiamo a mettere in luce aspetti legati sia ai luoghi che al passato.

Un enorme ringraziamento sia a chi è stato disponibile a essere intervistato, sia a chi ha girato le valli per raccogliere le interviste e poi le ha pazientemente riascoltate per trascriverne le parti più interessanti in grafia concordata, sia ancora a chi ha fatto la revisione dei testi. Mersì eun barò a tuts!

Villaretto: borgate e feste

Altro intervento dei fratelli Allaix, in cui vengono descritti Villaretto, le sue borgate e alcune feste. Si parlerà del Selleiraut e della sua cappella, di come si saliva al luogo della festa, fino ad arrivare ai festeggiamenti dei giorni nostri.

Emerge soprattutto il tema dello spopolamento sia delle borgate, sia del centro del paese, che appariva molto più popolato e vivo negli anni '50-'60 rispetto ad oggi.

Name Play Size Duration
Villaretto, borgate, feste
Rossella Prot

3.6 MB 3:55 min

La Greizòło il eez un’ boujô dâ Viaaret, î rèsto apen’ ön quilomèttre d’eisì, al’ee tout atacà ormai perquè lh’à totta lâ meezons, un’ tacò a l’autro, î fae pòrt dâ Viaaret ma l’ee pô lë Viaaret, l’eez un’ bourjô. Il ee su la viò quë voe â Faè. Alouro la lh’à ën ordre1, partent dâ Viaaret: La Greizòło, Pëcì Faè, aprê la lh’à lë Bèrgè, qu’â sariò jò dâ Faè, lë Mèi e lë Touront. S’ön vòe plû amount la lh’à: l’Âlbournù, Prà dâ Col e aprê amount fin a Roubinet. Roubinet l’eez un’ mountannho qu’il ee decò saret entre2 la Val Cluuzon e la Val Sangon. E d’eisì, a drèito, la lh’à, la Cleò, lâ tree Cleô, Cleò bòso, dâ mèi e l’auto e aprê la s’voe amount a Bourset, adont lh’à pluziera3 bourjô: lâ Casètta, lë Sapè, l’ Chezalet, e Chasteiran, qu’la sariò coumà eisì lë Viaaret aboù totta lâ bourjô, la mem’ chozo. E èuro lh’à d’cò pâ mèi4 nön, ilh’èi sioûn mëquè d’iità.

Noumpô5 â Faè lh’à jò aribà caacön dë mèi. Coumà6 â Faè, amoun â Faè, la lh’èro apoprê7 sèi ou sèt sens persouna, èuro nh’en sarè quinze. Â Bourset la nh’èro sèt, öth sens, së pô milo aboù la Cleò, lh’à pâ mèi nön tou’ l’ôn. Ë l’dariè l’eez iità l’ Candi, qu’al ee mourt dê ans fòe8, e èuro tou’ l’ôn lh’à pâ mèi nön.

E aprê d’soo qu’oû pourian parlôa…d’lâ fèta!

Vèisì9 Seleiraut, lh’à mëquè la Chapèllo; î diôn quë doû, tree meinô, î lh’èrou? Qu’il èrou eiquì aboù lâ feô, aboù lâ vaccha e il ònn vit la Madònno e d’eiquì il ònn acoumensà10 a fô quèll’ Chapèllo. E eiquì ël sinc d’aut la s’ fòe tout un’ fèto, adont la lh’à embaron d’ gent.

Ön viegge la s’anòvo a pè, la nh’èro, sabbou pô, doû, tree milo! La nh’èro fin d’ mèi! Èuro aboù ël chamin la nh’à ën pauc d’ mens, però l’eez encòro ën’ bèl’ fèto. La s’ dansòvo, la s’ faziò l’ juoc d’la moûro. Però la lh’èro ën bèl’ fèto ma èuro l’ee mëquè plû un’ fèto quë t’ vaa amount, senti la Meso, mingi e aprê t’ veni avòl.

Nounpô ënlouro la nh’aviò qu’il iitòvou fin â journ aprêa, il’aribiôn avòl pèu l’ journ aprêa. Il’enchaminòvou jò ël journ drant d’aprèstô a tout. Perquè il èrou pâ mèi ën graddou d’ vënî avòl. La nh’èro d’cò jò caacön qu’al èr’ jò ben flipà! Î n’aviôn jò prò, l’èr’ jò pëzant.

Canmeme11 l’èro bèl ne! Il anòvou amount about l’ mouł. Cafarot sul mouł! Cafarot, ël prèire, il butiôn sul mouł e il anòvou amount fin â Seleiraut. Bèl ne! Quèlla choza eiquì â sioûn bèlla da së nen sëvënîa

A l’ëncountrere12, lë Viaaret, al èr’ l’ paî plû poupoulà d’la valaddo. Plû groo quë Peirouzo, plû groo quë Pinòcho, Viałars, fin a louz ans sincanto-sèisanto aprê la guèro encòro.

Di’l milo nau sens la Coumuno dâ Roure il èr’ la plû poupoulouzo dë tout’ la valaddo, sens’ countiô13 Pëniroł, a beh!

Lh’èrou tree milo eisì, tree milo. Tree milo entre14 lâ bourjô, tott’ lâ bourjô dâ Viaaret. La Coumuno il èr’ eisì â Viaaret, fin a temp dâ fazisme15. Aprêa per coumoditò d’ tutti, perquè la Balmo il ee plû avòl, Charjau, V’lou Boc î sioûn plû avòl, ël poudestà d’ënlouro al à desidà16 d’ fô la Coumuno a mèità chamin, qu’â rèsto plû coumodde a tutti, il oon faeto a la Balmo.

Si notano molte parole patouà completamente sostituite durante il testo da versioni piemontesi o italiane. Per esempio “invece” ed “ecco”.

Rossella Prot

1. ën ordre: traduzione esatta dell'italiano “in ordine

2. qu’il ee decò saret entre: espressione precisa dell'italianismo qui usato “fare da spartiacque tra”

3. pluziera: esatta traduzione del termine qui usato “diversa”

4 pâ mèi: versione patouà per “non più”. Ma sacrificato per il piemontese “pa pî”. Ciò accade più volte durante il testo.

5Noumpô: invece. Durante tutta l'intervista l'esatta traduzione viene omessa, sostituita dal più piemontese “envècce ”.

6Coumà: come, per esempio, tipo. Utilizato infatti “tipo”, che può riprendere sia il piemontese che direttamente l'italiano.

7. apoprê: circa

8dê ans fòe: lett. Dieci anni fa. Gli intervistati però si esprimono con: “a sarà dê ans

9.Vèisi: ecco. Altra parola, come “invece”, il cui originale patouà viene completamente omesso.

10. acoumensà: iniziato. Reso qui con il piemontese “tacà”

11Canmeme: eppure, qui usato alla piemontese.

12A l’ëncountrere: al contrario/diversamente. Ancora una volta si preferisce il piemontese “Diversament”

13 sens’ countiô: senza contare, togliendo, escludendo.

14 entre: traduzione esatta per l'italiano-piemontese “tra”.

15 temp dâ fazisme: tempo/periodo fascista.

16desidà: participio passato di “decidere”

Villaretto: presentazioni e patouà

 

Ascolteremo ora la parlata di Villaretto, in Alta Val Chisone, grazie alle voci di due residenti, i fratelli Allaix.

Ci siamo trovati un pomeriggio di agosto e tra una chiacchera e l'altra si sono volentieri raccontati, portando alla luce esperienze passate, ricordi di infanzia e aneddoti divertenti.

Il parlare di temi comuni ha portato entrambi ad usare il patouà da loro usato ogni giorno, con le sue peculiarità e influenze moderne.

Si è così potuta fare una vera e propria fotografia della situazione attuale del patouà di Villaretto, ben consapevoli comunque delle differenze sempre presenti a livello locale e ancor più a livello famigliare.

Interessanti sono anche le informazioni che ci vengono raccontate. Riscopriamo uno stile di vita diverso, ormai lontano, ma che ha caratterizzato le generazioni passate in modo molto forte.

Infine l'ultimo aneddoto sull'uso del patouà nella loro infanzia, in particolar modo a scuola, non può che far riflettere sull'evoluzione della lingua nel tempo, oltre a strapparci un piccolo diverito sorriso.

Buon ascolto!

Name Play Size Duration
Presentazione, fanciullezza, patouà
Rossella Prot

5.5 MB 6:00 min

Alouro, më dëmandou Allaix Gino, siouc naesö a Pëniroł e aprê siouc vëngö a iitô â Viaaret. Â Viaaret ae faet laz eecòła eisì, laz elementera fin a la quinto elementera e aprê siouc anà a fô lâ media a Finitrèlla, perquè eisì la media alh ei sioûn pôa. Finì lâ media moun pappa, ilh aviôn dit quë mi duviouc anô a eetudiô perquè èrou pourtà per la pituro. Mëquè per la pituro la ventiò anô a Turin e moun pappa â travalhòv’ â Viałàrs aboù tree meinô e al ee dur, ouz èrou ‘n sinc, â poeò pâ s’përmèttre dë më mandô a eetudiô a Turin. E alouro finì laz eecòła î m’oon faet anô a la Riou dâ Viałàrs coum’ mecanic e d’eiquì siouc anà arant per vint e sinc ans ën fabricco. No, drant siouc anà â Cotonificio, Val Susa a Peirouzo, aprê d’eiquì siouc anà â Viałàrs a la Riou. Aprê da la Riou siouc anà arant vint e pas’ ans, vint e sinc ans e aprê, ae faet, ae faet fin quë më siouc licensià perquè am’ plaiò pâ iitô ën fabricco. E alouro, e mi la m’ plaiò fâ l’anticouòri, tënî lâ ròbbo vèllha e traficô abouù lâ ròbbo vèllha e d’eiquì aec döbèrt ön negosi e siouc iità fin quë siouc anà ën pension. E èuro siouc ën pension e bricollou, fô całcaren parelh, fô caaqui mërchà e èuro siouc plû 1 tranquile….via. E bon.

Coumensou mi?2

Alouro, mi siouc Marino Allaix, siouc naesö â Viaaret’ perquè ön viegge la s’ coustumòvo pâ anô a l’oupitòł. E alouro siouc naesö â Viaaret’ a la meezon dë moun pappa e ma mamma l’vint e sèi (26) janviè milë nau sens carantön (1941) e ma vitto al eez iitô coum’ ën pauc tutti, laz eecòła elementera â Viaaret’, aprê laz eecòła d’aviament, perquè moun paere e ma maere î vuuriôn quë anèsse a fôlaz eecòła Riou, ma laz eecòła Riou â Viałars î preniôn mëquè Viałàrs, San German, Pinòcho, lî paî a l’aviron, Alouro per poguê anâ a fô laz eecòła Riou, la ventiò drant fâ l’aviament, l’aviament profesiounòł e eiquì èrou iità oblijà d’anô a Pëniroł a fâ l’aviament profesiounòł, Scuola Brignone. Finì lî tree ans eiquì ae faet l’ezame d’amision e siouc anà a l’eecòło Riou, tree ans eecòło Riou, d'aprê siouc intrà ën fabricco dins ël repòrt plû balourd quë lh’èro, chiamato taglio-barra. E dâ moument quë siouc intrà eiquì, l’ae dit: ah ma…vöi pâ iità eiquì tout’ la vitto e mi! A vento quë m’ dounou da fô e fâ całcaren d’òre! …Entramëntiè l’aviouc fa ëncòro councours per fô l’ disenhatour e a la Fiat a Turin î m’ariôn prêa, ma la ventiò anâ travalhâ eiquì bôa e alour’ aribà a meezon èec sëntî moun paere e ma maere e per un’ sëmòno î m’oon pâ mèi parlà, èec capì quë la ventiò pô anâ avòl. E alour’ aec contuneà iitô eiquì dins quee repòrt eiquì, prê ae dit “Ma beh, cant aribou dâ saudà magòr’ î më chanjou d’ post, al’èr’ ën pauc d’ tirocinio ma aprê chanjou ën pauc d’ post. Ribà da saudà, ël post al’èr’ toujourn ël meme, alouro lh’ae minachà dë m’licensiôa, alqué ël còp dâ përsounòł eiquì â m’à troubà n’aut’ post ën manutension. Ën manutension siouc iità eiquì fin a l’ötiant’öth (88). Aprê dë l’ötian’öth (88) siouc anà travalhô amount a la centròł dë Finitrèlla fin a doumilë cattre (2004). D’eiquì siouc anà ën pension e ae enchaminà la libèrtà plû coumpletto.

E ël patouà oû l’avéen toujourn parlà da cant oû sieen naesù e oû sieen anà a l’eecòło quë la s’ pô dire qu’î sabiôn mëquè3 ël patouà. Oh jò! Per fourtuno quë lh’èro ëncòro dë mèitri dë la valaddo qu’î counoesiôn ël patouà. Alouro tra patouà e italian ouz avéen enchaminà a parlô l’italian. Ma oû diziôn dë bèstialità va e? Ad esempi më nen souvenou mi quë la lh’èro ön dâ paî quë, n’amis, qu’al èr’ pâ vëngö a l’eecòło. E al’èr’ l’ periodde dâ brinhons. Lî brinhons ën italian “Sarebbero le susine”. Alouro la meetresso il aviò mandà a dire “ E come mai il tuo amico Osvaldo non è venuto a scuola?” E alouro l’autre soun amis alh di, qu’â sabiò pancâ parlô ben l’italian eh? Alouro alh di “E, ma signora maestra, Osvaldo non è venuto a scuola perché ha mangiato brignoni pâ mèiri e adesso ha la fuira”. E la meetresso, quèllo î parlo mec’ l’italian, ilh’èro jò ën tèrso ou ën couarto elementero, lh’aviò dit “Oh ma cosa hai detto, ma cosa hai detto?”

Eh sì, sì, sì, ha mangiato….” Insomma, la meetresso î n’aviò pâ coumprê rien!

La trascrizione è stata realizzata grazie alle correzioni di Riccardo Breuza, che ha portato alla luce, soprattutto nelle altre due interviste che seguono sempre legate a Villaretto, la presenza di parole di origini piemontesi o italiane che hanno preso il posto nella parlata di molti abitanti le espressioni più antiche.

Per questo motivo sono state inserite delle note a piè di pagina per evidenziare e spiegare la differenza tra il patouà più tradizionale, scritto nel testo, e l'influenza piemontese, francese, o italiana che sia, ascoltabile nella registrazione.

Come è già stato analizzato in altre pubblicazioni, il dialetto provenzale alpino delle nostre valli è stato diviso in due gruppi principali dallo studioso tedesco Ernst Hirsch. Tali gruppi sono il Germanasco e l'Alto Chisonese.

Villaretto è il primo comune prettamente Alto Chisonese, anche se accoglie frequenti innovazioni di tipo germanasco.

Le differenze si sono sviluppate soprattutto a causa delle vicende storiche e religiose dei secoli XVI e XVII. Basti pensare all'esodo dei Valdesi e al fatto che l'Alta Val Chisone fu sempre sotto dominazione francese a differenza della Val Germanasca, terra di Savoia. Molto forte è quindi stato in alta valle l'influsso della lingua francese.

Rossella Prot

1Plû : più. Usato però il termine piemontese “pi”

2Coumensou mi? : it. “inizio io?”. Viene utilizzata dal parlante una forma più comune nel piemontese.

3 mëquè : solo. Utilizzato però dal parlante la forma “còzi mac”, quasi solo.

Souchères Basses e Grand Puy, Stsìëra e Pèou

Souchères Basses è la prima borgata che si incontra arrivando da Pinerolo, il soprannome maneùlha è proprio in ricordo delle maniglie con i battacchi che venendo battute annunciavano una presenza. Grand Puy, invece è la borgata che si trova a 1831 metri sul livello del mare, un tempo era molto popolata, ancora fino al 1924, anno dell'incendio che distrusse buona parte della borgata.

La Val Chisone è ricca di tradizioni che vengono tramandate da generazioni, e che trovano molte varianti in pochi km. È emblematico lo scambio di battute tra Renzo Guiot (nato e originario di Grand Puy), Franco Benet e la maestra Mariarosa, questi ultimi nativi della borgata Laux, nel comune di Usseaux.

Elisa Torazza

Name Play Size Duration
GrandPuy-SoucheresBasses
Elisa Torazza

3.6 MB 3:24 min

FRANCO:"Cailhettes. Tout lou loune a sa pinereua. Mi la piuc, la gratto e aprè el continho. Mon travau tout lou lous 'n valpo. Mi la gratto e las apresto, aprè el fa 'l soffritto aprè la fa couair".
MARIAROSA: "Ma boute pà 'd pan ou grisin dins?"
FRANCO: "Sì sì. Un peu 'd pan, 'd grisin, 'd lait".
MARIAROSA: "Ah, nous non". Isi, dint istes bourdzò, lha la familh quë la fò d'n manier e la familh quë la fò d'n autra".
RENZO: "Nous alour se fazen 'd calhetta, la fazen ou 'd truffa ou 'd pan".
MARIAROSA: "Ah ben, queinqui l'è ganefli. Nou nou malhou lou ganefli, quell abou 'l pan. Man memè è lou ganefli. Però seau pà come ais faizeisou"
RENZO: "E lou sounava lou randirols. L' arsettë vielh i la fazion abou 'l pan asetà, peui laisava 'l pan arsetà a moullir dint 'l lait, ma ventava qu'a feuisse d'l lait dë bèt, peui boutava un èu e basta parìa. Quand l'era ben ben moulì, qu'a fousa pà trop bagnà, së pasava dint la farinë e s' tapava dint 'l lait boulhent, dount dint 'l lait boulhent lh'avìa ma la calhetta dë trouffa ilh boutava unë calhetta tsaud ou 'd pouri".
MARIAROSA: "Sarìa noutri ganefli. Il fasou co parìer".
RENZO: "L'ai dzà entendu ganefli. Commë dizau voui autri la calhetta 'd pan?"
LUCA: (DA MENTOULLES) "La Calhetta. Perquè la calhetta nou soun 'd pan, pà 'd triffla".
MARIAROSA: "L'e touta 'd pan?"
RENZO: "Pan e grisins".
FRANCO: "La trouffa saol. Ou sanhavo 'l courin, aprè lo boutavo sou la trouffa saol, boutavo unë sousis, 'n toc dë lar.
RENZO: "E 'l pelò nen fazao?"
FRANCO: "L'è pa la binhetta isi a Lau?"
RENZO: "Ma 'd trouffa dco?"
FRANCO: "Ma mamà la faziao. Trouffa imacò peui la batiava abou 'l boulinhou, un peu 'd farinë e peui la faziao fridzè."
RENZO: "Ma alhà co la meme tsoz quand pren dë trouffa, peui la gratuzà, noui n'en fazìa embarò. Peui ou preneva 'l courilhò 'd trouffa gratuzò, l'oz boutè itsi l'oz dourìa arà d fè 'd pilon".
MARIAROSA: "Nou la binhettë abou 'l ri avansà".
LUCA: "E la tortë lableuan?"
MARIAROSA: "La Bletta ou dizei".
FRANCO: "Atacau 'l fourn, betiau la carota roa, tsois, peui faziao la torta, boutava dint 'l fourn".
RENZO: "E ou fazie 'l tsalendol?"
MARIAROSA: "Qu'estque?"
RENZO: "Ou fazìa 'l pan e peui fazìan setsò. Boutava s' la patiere sou 'l tsevilhìa, perquè setsess".

Villardamont, ‘L Viardamònt

La borgata di Villardamont è collegata alla strada nazionale di Pragelato attraverso una strada carrozzabile aperta tutto l'anno. Salendo verso Sestriere, si trova sul versante destro e gode quindi di una splendida vista sulla Val Troncea.

Come tutte le borgate di Pragelato, si ritrova la presenza di fontane, chiamate comunemente batsô, che rimangono testimoni della vita di un tempo, pur avendo perso la loro funzione originale di "lavanderie" per le donne della borgata, e di punto di incontro per chi la abitava, quando l'acqua corrente non era presente nelle case.

Insieme ai batsô, il forno è una presenza costante. Se, nel caso delle altre borgate di Pragelato, il forno rimane un simbolo che ha perso quasi dei tutto la sua funzione, questo non vale per il caso di Villardamont, dove rimane operativo, come testimoniato da Bruno Chiquet, originario e tuttora residente in questa borgata, che spiega le usanze (di un tempo e di adesso) ed il recupero dello stesso, possibile grazie alle ristrutturazioni delle Olimpiadi)

Name Play Size Duration
Villardamont1
Elisa Torazza

2 MB 1:58 min

'L fórn venia alumà eun vieddz per eun, poi a tórn. 'L prumìa a l'era 'l plus difisil a ichoudò e poi 'l segónt a l'era plus fasìl. Fasìa 'l vir d'la bourdzò en sens ourair. Un avia dou: lh'avia 'l pëchot fórn dont ou fasìa 'l pan tsac quinz dzórs e pei lh'avia 'l gros fórn ou fasìa 'l Tsalendol per Santa Cecilia e fasìa 'l pan dur ch'a servìa per tut l'ità. La portava 'l nom Tsalenda, ma 'l pan 's fasià per santa Cecil (22 nouvembr). Eour 'l fourn a l'i ità ben ritruturà da temps d'laz Olimpiadi e eour 'l fórn l'iz eun ritrovou per tut la poupoulashó, 'dcò d'lou viledzant vengù amónt e qui l'on atsatà laz nouvella apartaments.

D'ità un alum 'l poutadzìa, la fenna d'lou viledzant qu'i l'on la mizón i fon la pizza, la tórta, un fazè la glor ('n tsoz estremement 'd Pradzalà) 'd truffa gratuzò, opur la glor 'd truffa a talhon. 4-5 vieddz a l'o s'alum 'l fuëc. 'L fazìa un corvé un l'a fazìa 'n ton 'l 19 dzuliet alour la fenna n'aprofittou alumè 'l fórn qui en a volou fô la courvé travalhon a 9 our un l'alumè e tiron for la pizza da fórn e soc qu'i l'on fait e la glor. Ma fena i l'a moutrà a fa la glor e i son diversa da Pinarol e da Turì qu'i son aribà a fa la glor esactement c'ma fait ma fena a Pradzalà.

Villardamont è l'unica borgata in cui si testimonia una così importante attività del forno, sia d'estate, sia d'inverno. È inoltre fondamentale la presenza dei viledzant, grazie ai quali le tradizioni, anche culinarie come in questo caso, rimangono vive e non si perdono. Soprattutto la ricetta della glor, piatto tipicamente pragelatese a base di patate (truffa), grattuggiata o a fette (gratuzò opur a talhon), è stata tramandata dalla moglie di Bruno alle signore di Pinerolo e di Torino che si recano nella borgata solo durante il week end o nel periodo delle ferie, ma che comunque riescono benissimo in questo piatto.

È anche importante evidenziare il forte legame tra i viledzant e il nostro Bruno Chiquet, fatto che potrebbe destare qualche sospetto, visto il luogo comune per cui i forestieri non sono mai ben visti dai locali. In questo caso, invece, è lo stesso Bruno a sottolineare il legame che i villeggianti sentono verso la borgata, per cui decidono di riportare in auge i piatti della tradizione e lo stesso forno della borgata.

Name Play Size Duration
Villardamont2
Elisa Torazza

2.2 MB 2:01 min

Un l'avei sistemà perchè a l'avìa trant a fumov et l'an restruturà, an fait el fournel e nous s'aribò 'bou tuebi a fô un CAPPA un l'avia tirà via completement 'l fum, l'a fumma mai pa rè [...] Ouz avè fait eun bel travolh, grazie a la dzent fouritìa qu'a 'l tien embarò. I l'on de l'idée, il volon adiritura fô 'n palquet. A livel d'la CAPPA l'on buta 2 mere 'd lausa. Peui un l'avet la courent , i l'i pas d'la Cumun, ma i l'i notr perqué un atsatà un generatour qu'a l'è 1800 watt e eun attac tout soc qu'i voulé e fô la lumìër, mersì ai fouritìa qu'a tenno a la tsosa mai que mi!

St'uvern m'an fait une grosse surprise, cosi que m'an fasìo plurò. I sabio que l'era moun compleanno, al'i 'l 10 furìa, la diamendz d'après, i s'on ourganizò e m'on dit "Ou devi pei venì a fórn, ma pa d'mai 'd doua minutta, qu'ou devi esplicò a la dzent qu'a ven da for c'mà së fô alumô 'l fórn" "E vabbè, mi a venou" e peui son camì bailout, i l'ero a la fenetr, abou matsin fotografica, cinepresa e l'er sarà. A eic busà, s'un calà dint e a l'er tout cumplì plen abou une torte grossë e bou la tsandìa per 'l coumplean, cosi cosi quë plourovo.

Traverses, Plan e Pattemouche / Traversa, Plòn e Pattëmoutsë

La borgata di Traverses ha ospitato le scuole elementari, dalle quali arrivavano i meinô (bambini) dalle borgate di Duc, Chezal, Allevè, Villardamond, Pattemouche e Plan. Come testimoniato da Lucia Marcellin, originaria di Traverses ma residente a Pinerolo d'inverno, negli anni 1960 e 1961, gli studenti sperimentarono il progetto della telescuola, che però non ebbe molto successo.

Elisa Torazza

Name Play Size Duration
Traverses2
Elisa Torazza

0.7 MB 0:35 min

" 'L avìa Ermanno Bermont que nou fasìa telescuola, 'l meitre d'la seirabossa. Nous avìa un televisiò itsi, nou fasìa lissò ou que, peui nou fasìa lou compiti, peui si spedishiò a Romë e peui tournava arei. 'l era une tsoz que creo que pochi soubliò perché per fortune il à peui integrà abou la medie, alour l'an aprè un s'è peui anà a fò la seconda media a Finitrella perché l'i età propi n'esperiment iquen sou nou pel que n'a pà funsiunà".

Traverses, Plan e Pattemouche hanno subito durante il periodo delle olimpiadi invernali Torino 2006 un ammodernamento e un riassetto urbano. Molte case sono state vendute dai locali e, da queste sono stati ricavati un numero elevato di appartamenti. Plan invece, è stata ed è ancora la borgata protagonista a livello sportivo: a parte lo stadio del salto, trovano posto lo sci di fondo, che si estende fino alla Val Troncea, che offre paesaggi incontaminati e unici nel suo genere. Inoltre, Plan ospita un campo da golf da 9 buche, compreso il campo pratica. Pattemouche invece, ospita l'unico resort di tutta la Val Chisone: quello del Club Med. Nonostante i numerosi cambiamenti che queste borgate hanno subito nel corso del tempo, il legame delle persone originarie dell'Alta Valle è costante, anche se per diverse ragioni hanno scelto di vendere le case in cui hanno trascorso la loro infanzia.

Name Play Size Duration
Traverses
Elisa Torazza

1.5 MB 1:09 min

A Traversa venou d'ità stra-voulountìa. D'uver pa mai gair, tout louz on men perqué pità la neu, la palaou magar, pa mai gair veulh, via. D'ità 'm plai a la foulia perqué a patisou 'l tsaud et pei comunque tournà dint mon pai, l'i pa mal, anche se, lh'a pa mai la dzent (grosa persouna) da post e pei lh'a 'l Med, m'a sento bastansa strania dint mon pai. Da post i lh'a 'nco na quinzina 'd persoune, la resta l'i touta 'd fouritìa. Lh'a pa mai neun. Lou dsouvi soun tout anà casi via. Lh'a pa mai grand dzent. Embarò mizon soun ità vendùa, c'mà l'eic fait mi da 2007, perché soun soulette, mizò gros, l'an vengu fora euch alodz e lh'ana embarò qu'an fait paria qu' i l'an vendu, l'on fait d'alodzi e ristruturò.

   

Newsletter  

   

Login Form  

   

Chi e' online  

Abbiamo 54 visitatori e nessun utente online

   

Statistiche  

Utenti registrati
93
Articoli
366
Web Links
18
Visite agli articoli
743824
   
© La Valaddo - Codice Fiscale 94511020011 - Partita IVA 05342380010